lunedì 15 ottobre 2018

Er civico

Francesco Hayez, Maria Stuarda sale al patibolo
(1827) Collezione Banca Cesare Ponti,Milano
Moàh Menicuccio, quanno vedi coso...
Nino er pittore a la Madon de Monti,
dijje che caso mai passa li ponti...
E damme retta; quanto sei feccioso!

Dijje... Ahà! Menicuccio, me la sconti:
ma perché me ce fai lo stommicoso?
M’avanzi quarche cazzo sbrodoloso?
Bravo! ariōca: come semo tonti!

Cosa te vo’ giucà, pe ddio de legno,
che si te trovo indove sò de guardia,
te do l’arma in der culo e te lo sfregno?

Dijje pe vvíede che sto ppropio a ardia,
che voría venne un quadro de disegno
che c’è la morte de Maria Stuardia.
(G.G. Belli, 1829)

lunedì 8 ottobre 2018

Er pennacchio

Umberto Boccioni - Paolo e Francesca
(1908-9)-Collezione Palazzoli, Milano
Ah Menicuccio mia, propio quer giorno,
la viggijja de pasqua bbefania,
quella caroggna guercia de Luscia,
lo crederessi?, me mettette un corno.

Porca fottuta! e me vieniva intorno
a ffà la gatta morta all’osteria
pe rrempí er gozzo a la bbarbaccia mia,
’ggni sempre come la paggnotta ar forno. (*)

E intratanto co mmastro Zozzovijja
me lavorava quele du’ magaggne
d’aruvinà un fijjaccio de famijja.

Ecco, pe ccristo, come sò ste caggne:
amore? ’n accidente che jje pijja:
tutte tajjòle pe ppoi fatte piagne.
(G.G. Belli, 7 agosto 1828)
(*) Per regola fissa, come è il prezzo della pagnotta al forno

lunedì 1 ottobre 2018

Lustrissimi: co’ questo mormoriale

Pierre-Auguste Renoir - La colazione dei canottieri
(1880-1882) - Phillips Collection, Washington
Lustrissimi co’ questo mormoriale
v’addimando benigna perdonanza
se gni fiasco de vino igni pietanza
non fussi stata robba pella quale.

Sibbè che pe’ nun essece abbonnanza
come ce n’è piú mejjo er carnovale,
o de pajja o de fieno, o bene o male
tanto c’è stato da rempí la panza.

Ma già ve sento a dí: fior d’ogni pianta,
pe la salita annamo e pe la scenta,
famo li sordi, e ’r berzitello canta.

Mo sentiteme a me: fiore de menta,
de pacienza co’ voi ce ne vò tanta,
e buggiarà pe’ bbio chi ve contenta.
(G.G. Belli, 1818-19)