lunedì 20 agosto 2018

Settimo, seppellì li morti

Gian Lorenzo Bernini - Anima dannata (1619)
Palazzo dell'Ambasciata di Spagna (Roma)
Bbast’a vvede sto bboja de Curato
si ccome seppellí Bbonaventura!
che ffussi puro stato scopatura,
l’averebbe ppiú mmejjo bben trattato.

Ma cquanno che ccrep’io, per dio sagrato,
vojjo fà stenne una bbrava scrittura
che bbuttannome drento in zepportura
me sce mettino bbello arissettato.

Bbisogn’èsse ggiudii pe nnun capilla
che ffa ppiú ccosa er zeppellicce bbene
che de cantacce in culo una diasilla.

Perch’io sentivo dí ssempre da Nonno
che ll’anima arimane in de le pene
come ch’er corpo suo casca a sto monno.
(G.G. Belli, 19 ottobre 1833)

lunedì 13 agosto 2018

La morte de Madama Lettizzia

Maria Letizia Bonaparte (1813)
Robert Lefèvre - Museo napoleonico di Roma
A ttutta sta gginía de Napujjoni
figurateve un po’ ccosa j’importa
si cquela vecchia de la madre è mmorta:
funerali de ggnocchi e mmaccaroni.


Sce faranno un tantino li piaggnoni
co lo scoruccio e la bboccaccia storta;
e appena che ssarà ffor de la porta
s’anneranno a spartí li su mijjoni.


Poi bbasta a rricordà cchi ffu er fratello
de sti bboni regazzi, pe ddiscíde
che ccos’abbino in core e nner cervello.


Ma la madre, dirai, l’arricchí llui.
L’arricchí llui, lo so; ma mme fai ride:
lui l’arricchí ppe li finacci sui.

(G.G. Belli, 8 febbraio 1836)

lunedì 6 agosto 2018

L’ova e ’r zalame

A oggni pasqua che vviè, ppropio st’usanza
pare, che sso... cche mm’arieschi nova.
Non ze fa ccolazzione e nnun ze pranza
si mmanca er piatto de salame e dd’ova.

Mica parlo per odio a sta pietanza,
ché, ssi vvolete, un gusto sce se prova;
e, cquanno nun fuss’antro, la freganza
c’un zalame pò ddà, ddove se trova?

Io dico de l’usanza der custume
de mannà ssempr’a ccoppia ov’e ssalame:
questo è cch’io scerco chi mme dassi un lume.

Uhm, quarche giro sc’è: ssi nnò ste Dame
l’averebbeno ggià mmannat’ in fume
mentre a l’incontro n’hanno sempre fame.
(G.G. Belli, 4 aprile 1834)