lunedì 22 aprile 2019

Er beccamorto de casa

Caravaggio - Seppellimento di santa Lucia (1608)
Chiesa di Santa Lucia alla Badia, Siracusa
Lo sai chi è cquello che jj’ho ddetto addio
e mm’ha arisposto senza comprimenti?
Quell’è un marchese, un aventore mio:
inzomma, è un antro de li mi’ crïenti.

Eh! ssemo amichi antichi assai, perch’io
j’ho ssotterrati tutti li parenti;
e ll’urtimo l’antr’anno è stato un zio
che ll’arricchí mmorenno d’accidenti.

Sappi ch’è un gran bravissimo siggnore
che ppaga li mortorî da sovrano,
come faranno a llui quanno che mmore.

Pe cquesto io spero che nun zii lontano,
co l’ajjuto de Ddio, d’avé l’onore
de seppellillo io co le mi’ mano.
(G.G. Belli, 5 dicembre 1834)

lunedì 15 aprile 2019

La musica de la padrona

Johannes Vermeer - Lezione di musica (1662)
St. James's Palace, Londra
Je disceva er Maestro Confidati,
mentr’io stavo a ppulí li cannejjeri,
che tutti li soggetti, o ffinti o vveri,
se ponno mette in musica adattati.

Lui scià mmesso scinqu’ommini affamati
d’una Commedia der zor Dant’Argèri;
e, un anno prima, a Ssan Filippo Neri,
sce messe l’oratorio de li frati.

Io medémo ho ssentito un capponcello           (*)
ner vespero a Ssan Pietro, er primo sarmo,
de méttesce una ssedia e uno sgabbello.

E la padrona mia s’è pperzuasa
de facce mette venti canne e un parmo
de scitazzione der padron de casa.
(G.G. Belli, 3 dicembre 1834)
(*) castrato

lunedì 8 aprile 2019

La serva de casa

Johannes Vermeer - Giovane donna assopita (1656)
Metropolitan Museum of Art, New York
Ha ttutte le vertú cch’è nescessario
pe bben zerví la nobbirtà rromana.
È mmatta, è strega, è spia, è lladra, è cciana, (1)
e ppe bbuscíe nun ce la pò er lunario.

Si ppoi volemo seguità er rosario,
er padrone lo serve da puttana,
la padrona la serve da ruffiana,
e ccusí ss’aritrippica er zalario.                      (2)

Inortre sce saría n’antra catasta
de difettucci e ttutti a bbommercato;
ma vve sbrigo: è una serva, e ttant’ abbasta.

E nno ppe ggnente da tant’anni addietro,
le serve in ner pretorio de Pilato
sò state mmaledette da San Pietro.
(G.G. Belli, 2 dicembre 1834)
(1) vanitosa nel vestire; (2) si triplica